Francis Scott Key Fitzgerald (Saint Paul, 24 settembre 1896 – Hollywood, 21 dicembre 1940) è stato uno scrittore e sceneggiatore statunitense, autore di romanzi e racconti. È considerato uno fra i maggiori autori dell'Età del jazz e, per la sua opera complessiva, del XX secolo.
Faceva parte della corrente letteraria della cosiddetta Generazione perduta, un gruppo di scrittori americani nati negli anni 1890 che si stabilì in Francia dopo la prima guerra mondiale.
Scrisse quattro romanzi, più un quinto lasciato incompiuto, e decine di racconti brevi sui temi della giovinezza, della disperazione, e del disagio generazionale.
Leggi la scheda completa su Wikipedia


F. Scott Fitzgerald

Il Grande Gatsby

 

Il capolavoro di Fitzgerald in una nuova traduzione curata da Ferruccio Russo e concepita col medesimo criterio di Wikipedia: diretta, gratuita e collaborativa.



Nel 1925 Fitzgerald pubblica Il Grande Gatsby, la storia di “un sogno incorruttibile”. Nick, un giovane agente di cambio, racconta di Gatsby, il suo ricchissimo e misterioso vicino (diventato tale, attraverso poco limpide operazioni, ma ciò è lasciato intendere solo come in un alone di sospetto, che fa nascere le più strane dicerie su di lui). Questi offre fastosi ricevimenti nel suo mastodontico palazzo: ai quali partecipa appena, chiuso in una sua segreta angoscia. In realtà, il “grande” Gatsby non mira che a ritrovare l’amore di Daisy. La rivede e quasi la riconquista. Ma si può far ritornare il passato, ”si può ripetere il passato?”
A Daisy, immersa nel tepore protettivo di una vita resa facile dal denaro e dai confort, quell’amore non riesce tuttavia a giungere nella sua “incorruttibile” autenticità e il “sogno” di Gatsby, metafora di un più generale “sogno americano”, inesorabilmente, s’infrange al contatto con la dura realtà.
La fantasia fervida e delicata, lo stile sapientemente costruito, la finissima capacità di evocazione di un ambiente e di un’atmosfera, fanno de Il Grande Gatsby un classico moderno e di Fitzgerald, oltre che una delle personalità più rappresentative di un costume e di un’epoca, una figura di primo piano nella narrativa americana. Le sue opere sono la più compiuta espressione di quell’atteggiamento di ribellione anticonformista che fu propria dei giovani negli tra il “20 e il “30 e lo scrittore americano diventò ben presto l’eroe incontrastato della “generazione perduta”, dell’epoca del proibizionismo, della prosperità fittizia e della ”età del jazz”.
Leggi la scheda completa su Greendayfactory.it

Gratis

disponibile in:
disponibile in:

condividi sui social networks

Bookmark and Share
 

 Copyright © 2007   Edizioni Scientifiche e Artistiche. Tutti i diritti riservati..

Mappa del sito Profilo Invio inediti Comunicati stampa Distribuzione Lavora con noi